Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

  • images/slide/1.jpg
  • images/slide/2.jpg
  • images/slide/3.jpg
  • images/slide/4.jpg
  • images/slide/5.jpg
  • images/slide/6.jpg
Categoria: Siena / Palio / Territorio
Prezzo: 18,00
ISBN: 9788899873226
Luogo: Siena
Anno: 2018
Link: Link COMPRA ORA

Recensione

Quando si parla di Siena si parla di contrade e questo libro voluto fortemente dalla Contrada della Selva è stato scritto in occasione del restauro del proprio oratorio; una fortunata coincidenza ha fatto sì che la Contrada della Selva sia riuscita a restaurare il proprio oratorio esattamente duecento anni dopo esserne entrata in possesso. Fu infatti nel 1818 che i Selvaioli entrarono per la prima volta in quella che, da allora, sarebbe stata definitivamente la loro casa, facendo di questo lembo estremo del territorio, affacciato sulla valle verde degli orti dell’antico Spedale, il cuore della vita della Contrada.
La chiesa di San Sebastiano ha ospitato e ospita le passioni, le gioie, i dolori di generazioni di Selvaioli, al pari di ciò che avviene negli oratori delle sedici Consorelle. Ha visto svolgersi tra le sue mura assemblee infuocate, ha sentito impartire la benedizione a cavalli, ha accolto tanti contradaioli che hanno voluto unirvisi in matrimonio e purtroppo molti di più che davano l’estremo saluto a questa terra, ha riabbracciato il popolo in estasi che tornava festante da Piazza portando il segno del trionfo.
Costituendo l’elemento indubbiamente più prezioso all’interno del patrimonio immobiliare della Contrada, la chiesa è stata oggetto nel tempo di vari interventi di restauro, che hanno visto spendere energie e risorse delle dirigenze di volta in volta impegnate. La peculiare posizione dell’edificio, con l’abside a strapiombo sulla vallata, è quanto mai suggestiva; ma il rovescio della medaglia è rappresentato dalla piena esposizione del manufatto alle intemperie e dalla ardua raggiungibilità dei muri perimetrali e delle coperture. Recentemente, si era creata una vasta lesione proprio nella struttura muraria dell’abside, i cui affreschi soffrivano le sempre più corpose infiltrazioni; e anche il tetto necessitava di interventi sempre meno rinviabili. Con questa pubblicazione la Selva presenta a tutti il risultato degli interventi di restauro alla chiesa di San Sebastiano.

Free Joomla! template by Age Themes